Grand Theft Auto IV su Pc in ritardo

L’attesso titolo rimandato all’inizio di Dicembre.
Dopo il grande successo su console (e le inevitabile polemiche per i contenuti) il gioco firmato Rockstar in versione Pc subisce ancora un leggero ritardo.
Gli utenti Pc dovranno quindi armarsi di altra pazienza prima di dedicarsi alle avventure di Niko Bellic.
I requisiti di sistema consigliati diffusi in rete sono i seguenti:

Sistema operativo: Windows Vista – Service Pack 1 / XP – Service Pack 3
Processore: Intel Core 2 Quad 2.4 Ghz, AMD Phenom X3 2.1 Ghz
Memoria Ram: 2GByte (Windows XP), 2.5 GByte (Windows Vista)
18 GByte di spazio libero su Hard Disk
Scheda Grafica: nVIDIA 8600 512 MByte / ATI 3870 512 MByte

via| Pc Professionale

Technorati Tag: ,

Windows: annunciato 25 anni fa

Esattamente 25 anni fa oggi, l’11 novembre 1983, Bill Gates, durante un evento all’Helmsley Palace Hotel di New York annunciò che era finita l’era dell’interfaccia carattere del Dos e che in breve Microsoft avrebbe rilasciato la prima interfaccia grafica per i Pc Ibm.
Il lavoro sull’interfaccia grafica del Dos, che poi avrebbe preso il nome di Windows, iniziarono nel 1981 e i programmatori presero spunto dai menu e dai bottoni di Word.

windows1.gif

Nel 1983 Apple aveva già rilasciato il proprio ambiente grafico (Lisa), ma gli altri concorrenti del tempo erano ancora in alto mare: Digital stava lavorando sul GEM, Quarterdeck sul proprio Desq,  Amiga sul Workbench e Ibm su OS/2.
In questo movimentato panorama Bill pensò bene di spiazzare tutti facendo l’annuncio di Windows, un’interfaccia grafica semplice da usare, con menu a tendina, supporto del mouse e possibilità di usare più applicazioni contemporaneamente. All’evento Gates annunciò che il prodotto sarebbe stato reso disponibile entro aprile del 1984 e ipotizzò che sarebbe stato implementato nel 90% dei Pc Ibm compatibili entro al fine di quell’anno.

Come sappiamo la tempistica non fu proprio quella: Windows 1.0 fu reso disponibile per la vendita il 20 novembre 1985, con più di un anno e mezzo di ritardo rispetto all’annucio. E intanto il mondo non si era fermato: il 24 gennaio 1984 Apple aveva annuciato il primo Macintosh (ve lo ricordate? Era il Macintosh 128k), una macchina veramente innovativa per l’epoca.

Windows 2.0 vide la luce nel 1987 e il finalmante usabile Windows 3.1 arrivò sui nostri desktop solo nell’aprile del 1992. Trovate la storia delle varie versioni di Windows sul sito di Microsoft (ma non si parla dei ritardi).

FONTE: Pc Professionale

Notizie varie

Eccomi, eccomi… sono ancora vivo! Dopo questo bel fine settimana di Halloween ho riaperto il mio lettore di Feed e ho trovato una valanga di cosucce interessanti, ad esempio:

Queste sono i migliori post che ho trovato in questo fine settimana, spero che vi siano utili!

Microsoft Svela "Windows 7"

Durante la keynote del 28 Ottobre alla Professional Developers imageConference 2008 (PDC2008), Microsoft ha presentato Windows 7, il prossimo   sistema operativo client che succederà a Windows Vista, mostrando ai partecipanti alla conferenza una serie di nuove funzionalità e caratteristiche che saranno incorporate nel nuovo prodotto.

Il colosso del software ha contestualmente distribuito a tutti i partecipanti alla PDC una prima versione pre-Beta del sistema operativo (Pre-Beta M3 Build 6801). A questo proposito bisogna evidenziare che la dimostrazione del sistema operativo è stata fatta su una build più recente (build 6933.winmain.081020-1842). Per il momento Microsoft non ha rilasciato dettagli sulla tempistica di rilascio della Beta del sistema (prevista comunque per inizio 2009) o della versione finale RTM (che dipenderà dagli esiti del testing sulle varie pre-release), confermando la tempistica di riferimento generale che fissa la prossima release di Windows 7 in disponibilità entro 3 anni dal rilascio di Windows Vista (inizio 2010). Un annuncio generale della dimostrazione è stato pubblicato sul neo-nato Windows 7 Team Blog.

Novità in Windows 7. Taskbar. Windows 7 include una nuova taskbar priva di testo ma potenziata nelle funzionalità. La funzione “jump list” offre un controllo avanzato sull’applicazione identificata dall’icona, con un menu di opzioni correlate accessibile via right-click (azioni comuni, documenti aperti di recente, e preferiti). La funzione “Avvio veloce” è integrata ed ora è possibile posizionare in modo permanete nella taskbar le icone delle applicazioni, con accesso one-click. Passando il puntatore del mouse sulle icone delle applicazioni all’utente sarà mostrata un striscia di anteprime delle finestre in esecuzione; passando il mouse su una anteprima mostrerà la finestra a dimensione intera sulla schermo.

CONTINUA SU tweakness.net –>

Technorati Tag:

Service Pack 2 per Windows Vista e Server 2008

Cari lettori, oggi parliamo di Microsoft e, nella fattispecie, di Windows Vista. Dopo aver reso noto che il Service Pack 2 per questo sistema operativo verrà distribuito prima del rilascio di Windows 7, il successore di Vista, la società di Redmond rende noti i contenuti di questo pacchetto di aggiornamenti. Ricordiamo che questa importante release sarà altresì valida per Windows Server 2008: in soldoni, Microsoft ha preso due piccioni con una fava. Il Service Pack 2 soddisferà sia la versione Windows Client, sia quella Server. Ricordiamo che un Service Pack è un pacchetto di aggiornamenti pubblicato da Microsoft a cadenza generalmente annuale, che copre le patch rilasciate dalla distribuzione del Service Pack precedente (in questo caso, il Service Pack si dice incrementale) o dalla pubblicazione del prodotto (Service Pack completo). Vediamo insieme i contenuti del SP 2.

Ecco dunque i principali provvedimenti:

  • Windows Search 4.0 – Funzionalità migliorata e velocizzata, atta ad eseguire ricerche istantanee. Già disponibile per il download da un paio di mesi, scaricabile da Windows Update, verrà ugualmente integrata nel SP.
  • Supporto per il Bluetooth 2.1 – Facilitazione di sincronizzazione ed interazione tra PC e dispositivi che utilizzano gli ultimi protocolli della tecnologia Bluetooth
  • Masterizzazione Blue-Ray – Supporto per la scrittura di questo tipo di dischi in forma nativa, senza ricorrere a software di terze parti (da notare che Vista già permette la riproduzione di Blue-Ray Disc e HD-DVD)
  • Windows Connect Now (WCN) – Implementazione di questa particolare funzionalità che facilita la creazione e la configurazione di reti Wi-Fi
  • Supporto di exFat file system – Abilitazione di questo tipo di file system (sommariamente, il file system è il metodo di memorizzazione e disposizione dei dati sul disco), proprio di schede SD, microSD e flash drives in generale
  • UTC Timestamp – Permette la sincronizzazione precisa dei file tra i diversi fusi orari

Ripetiamo che il SP 2 sarà rivolto sia a Windows Vista che a Windows Server 2008. In base alle nostre recenti supposizioni sulla data di rilascio di Windows 7, che abbiamo collocato a ottobre dell’anno venturo, sappiamo già che il SP 2 sarà rilasciato senza ombra di dubbio prima della commercializzazione del nuovo sistema operativo. Possiamo prevederne la distribuzione entro la metà del 2009, in base a quanto premesso. In ogni caso, nessuno possiede la sfera magica e quindi tutto ciò resta solamente un progetto ideale.

Vi auguro di trascorrere una buona domenica, oltre che ad avere una buona navigazione!

D A presto!

Via :: Geekissimo

Bill Gates fonda una nuova società chiamata bgC3

Bill Gates ha fondato bgC3, una nuova misteriosa società concepita per organizzare e facilitare le attività di Redmond e del suo nuovo “custode” Ballmer. Gli scopi di bgC3 sono principalmente la ricerca di idee innovative utili per Microsoft e per la fondazione benefica di Gates.
Stando alle prime informazioni, bgC3 sarebbe stata creata da Gates per coordinare e armonizzare con maggiore efficienza le sue attività nel comparto business e i progetti benefici. La nuova società sarà dunque utilizzata per fornire idee e spunti innovativi a Microsoft sotto il piano industriale, e nuove soluzioni e iniziative per la fondazione filantropica di Bill e Melinda Gates. Una sorta di centro di smistamento delle idee, utile per mantenere funzionali ed efficienti le attività del cofondatore di Microsoft.
La nuova società è stata registrata durante lo scorso marzo con il nome Carillon Holdings, per essere poi ribattezzata bgC3 nel corso del mese di luglio a pochi giorni dall’abbandono dell’impegno a tempo pieno di Gates in Microsoft. La compagnia ha già un logo e il suo marchio risulta essere registrato nelle categorie: “servizi scientifici e tecnologici, ricerca e analisi industriali, progettazione e sviluppo di hardware e software per computer”. Il criptico nome bgC3 sarebbe stato scelto da Gates per indicare: le iniziali del proprio nome e cognome (bg), il termine (C) “catalyst” ovvero catalizzatore di idee, e infine un luogo terzo (3) non riconducibile direttamente né a Microsoft né alla sua fondazione benefica.
Nonostante Bill Gates non abbia ancora rilasciato alcuna informazione ufficiale sulla sua nuova impresa, le prime indiscrezioni trapelate dagli ambienti vicini a bgC3 sembrano confermare un impegno della società nello sviluppo di soluzioni innovative e all’avanguardia legate al mondo della scienza e dell’informatica. Nel corso degli ultimi anni, Bill Gates non ha mai fatto mistero di voler utilizzare parte del suo considerevole patrimonio non solo per la sua fondazione, ma anche per identificare e finanziare nuovi progetti in grado di cambiare sensibilmente la vita delle persone. La società bgC3 potrebbe dunque lavorare alla ricerca di nuovi talenti e progetti da svilupparte, fornendo un adeguato supporto economico e tecnologico sotto l’ala protettrice di Bill Gates.

FONTE: business.webnews.it

echnorati Tag: ,

Linux Day: Adotta un Utente Microsoft!

In occasione del Linux Day 2008, che si terrà sabato 25 ottobre in 119 città italiane (tutte le informazioni relative alla manifestazione sono sul sito http://www.linuxday.it), la Italian Linux Society (ILS) e l’Associazione PLIO (Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org) hanno lanciato una campagna per la protezione di una specie a rischio di estinzione: gli utenti di Microsoft Office.

Ciascun membro della ILS e del PLIO si impegna a salvare un utente di Microsoft Office facendolo migrare in modo progressivo a OpenOffice.org 3.0, secondo un percorso che prevede prima la coesistenza delle due suite – con un uso sempre più ampio di OO.o 3.0 – fino all’abbandono di Office. “Che gli utenti di Office fossero destinati all’estinzione lo aveva implicitamente ammesso la stessa Microsoft, paragonandoli a dinosauri“, afferma Michele Dalla Silvestra, Presidente della Italian Linux Society. “Il messaggio di quella campagna pubblicitaria, però, non è stato sufficientemente forte da portare a un abbandono totale della suite, per cui – insieme al PLIO – abbiamo deciso di creare dei gruppi di volontari per convincere anche gli ultimi sostenitori ad abbandonare Office“.
OpenOffice.org rappresenta il futuro perché offre un’ampia libertà di scelta agli utenti: è libero e basato su standard aperti, ed è disponibile per le piattaforme più usate – Linux, Mac OS X e Windows – e per la maggior parte delle lingue“, prosegue Davide Dozza, Presidente dell’Associazione PLIO. “Microsoft Office rappresenta il passato perché limita le opzioni: non è disponibile per Linux e per molte lingue minori, e ha un prezzo eccessivo rispetto alle funzionalità utilizzate dalla maggior parte degli utenti. Agli utenti facciamo una semplice domanda: volete continuare a guardarvi indietro, o preferite volare in avanti insieme ai gabbiani di OOo 3.0?“.

I download della versione italiana di OpenOffice.org 3.0 sono stati più di 210.000 in una settimana, pari a una media di oltre 30.000 al giorno. A livello mondiale, il totale ha superato i 3 milioni. Queste cifre non comprendono coloro che installano il software da un CD e le installazioni multiple.
La ILS e l’Associazione PLIO invitano quindi gli utenti di Microsoft Office nelle 119 sedi del Linux Day 2008, per essere adottati e conoscere la realtà del software libero. Coloro che porteranno il proprio PC potranno iniziare immediatamente la terapia, poiché gli verranno installati – gratuitamente, e senza eliminare né Windows né Microsoft Office – Linux e OpenOffice.org 3.0.