Come trasformare Windows Xp in Mac OS X Leopard

 image

Se siete stanchi del “solito” look di Windows XP ed amate il celeberrimo Mac Style, non potete assolutamente fare a meno di provare il nuovo LeopardXP Brico Pack, un pack all-in-one che permette, in una manciata di click ed in maniera del tutto automatica, di trasformare il look di Windows XP in quello di Mac OS X Leopard, con risultati davvero sorprendenti.

L’applicazione funziona su ogni versione di Windows XP a 32 bit, indipendentemente dal linguaggio, ed è compatibile con il Service Pack 3. Basta seguire la praticissima procedura d’installazione e, dopo aver riavviato il computer, è possibile ammirare la trasformazione pressoché perfetta del sistema, dovuta alla presenza di elementi quali:

  • IColor Folder per cambiare il colore delle cartelle
  • TClock2 per rendere l’orologio di Windows simile a quello di Mac OS X
  • RKlauncher per avere una barra dock
  • Taskbar spostata nella parte alta dello schermo
  • ÜberIcon per avere degli effetti speciali quando si effettua il doppio click su un file
  • TrueTransparency per rendere l’aspetto delle finestre più simile a quelle di Mac OS X
  • Glass2k per rendere la taskbar trasparente
  • Yz’Shadow per aggiungere l’effetto ombra a tutte le finestre
  • CursorXP per utilizzare i cursori del mouse in stile Mac OS X

Tutto gratuito al 100% e reversibile disinstallando l’applicazione dal pannello di controllo. Ed allora, che altro aspettate per trasformare il look di Windows XP in quello di Mac OS X Leopard grazie a LeopardXP Brico Pack?

Via | geekissimo

Annunci

iPhone OS 2.1 beta 2 e Mac OS X 10.5.5 agli sviluppatori

Ad un mese dalla release dell’ultimo aggiornamento 10.5.4 di Mac OS X, Apple si appresta a distribuire, nel corso della prossima settimana, la nuova versione 10.5.5 del proprio sistema operativo agli sviluppatori. E’ quanto riporta AppleInsider, che ha appreso la notizia da ambienti di sviluppo vicini ad Apple. Nel frattempo da Cupertino arriva la seconda beta del firmware 2.1 per iPhone ed iPod touch, ad appena una settimana di distanza dalla release della prima versione preliminare del nuovo software.

Mac OS X 10.5.5. La prima seed del nuovo aggiornamento di Leopard potrebbe arrivare a metà della prossima settimana, ma non è ancora chiaro quali bug fixes e quali migliorie potrebbe portare con sé. AppleInsider ipotizza che nel nuovo aggiornamento potrebbero nascondersi indizi dell’arrivo imminente della nuova gamma di notebook attesi per settembre. Secondo gli ultimi rumors i nuovi MacBook potrebbero abbandonare il supporto ai chipset Intel e montare un trackpad in vetro.

iPhone OS 2.1, nuova beta. A soli sette giorni dalla distribuzione della prima beta  del nuovo firmware 2.1, Apple ha fornito agli sviluppatori una nuova versione di prova del prossimo aggiornamento software per iPhone e iPod touch. Ecco quanto si legge nella nota esplicativa di Apple:

Questa è la seconda beta dell’iPhone SDK e di iPhone OS 2.1; include correzioni di bug dell’iPhone OS ed anche na prima implementazione della API per il servizio Apple Push Notification. Questa API non è ancora integrata con un push server attivo.

Il Push Server per le notifiche è la soluzione scelta da Apple per ovviare al problema del funzionamento in background delle applicazioni. Le notifiche remote simuleranno il funzionamento idle dei software che potranno sfruttare l’API di cui si parla nella nota.

Anche nelle versioni preliminari del software 2.1 per iPhone gli sviluppatori sono andati a caccia di indizi su possibili upgrade dei prodotti di Apple. Proprio ieri vi abbiamo parlato di un possibile rinnovamento di iPod touch, suggerito proprio dallo studio della denominazione di iPod Touch all’interno di alcune stringhe del firmware 2.0.

Fonte: The Apple Lounge .com

Technorati Tags: ,,,,,

MacBook Touch, il video

Come avevo accennato ieri riguardo all’Apple Tablet o meglio MacBook Touch, vi mostro oggi questo video-spot che riassume tutto ciò che ormai sappiamo di casa Apple: e cioè che è la migliore.

Time Machine di MAC su PC

Immagine

Dall’uscita di Mac OS X Leopard (risalente a qualche mese fa), con la conseguente introduzione della funzionalità Time Machine, sono ormai tantissimi gli utenti del sistema operativo della casa della mela ad avere sulla propria macchina – internamente o esternamente – un hard disk secondario, utile ad accogliere le copie di sicurezza di tutti i dati contenuti nel computer.

Si tratta di uno strumento molto comodo, per nulla invasivo e – come facilmente immaginabile – rappresentante, in molte occasioni, un vero e propria salvavita. Ed allora che ne dite di portare anche su Windows un qualcosa di simile (con tutti i limiti del caso), in maniera del tutto gratuita?

Basta scaricare il programma freeware Bax It ed il gioco è fatto. Il software in oggetto, non ha bisogno di installazione (si presenta sotto forma di archivio da estrarre in qualsiasi cartella, per poi avviare il file Bax it! V3.0.exe) e va utilizzato solo nel caso si abbia a disposizione un intero disco fisso secondario.

Disponibile anche in una versione a pagamento che prevede la funzione di clonazione di intere partizioni/hard disk, Bax It lavora in maniera per nulla fastidiosa ed esegue copie di backup incrementali, vale a dire che salva solo i file nuovi/modificati, rispetto al precedente backup effettuato.

Il programma funziona su tutte le moderne versioni del sistema operativo Windows (da 95 in poi), ma su Vista non ne è assicurato il perfetto funzionamento. Non vi resta che provarlo ed adottarlo come ancora di sicurezza per i vostri dati.

via | geekissimo

WWDC 08: Apple iPhone 3G, Mac OS X Snow Leopard e MobileMe

 

Steve Jobs, CEO di Apple, ha tenuto ieri la sua keynote alla Worldwide Developer Conference 2008 (9-13 Giugno), appuntamento annuale dedicato agli sviluppatori. Come sempre lo show è stato ricco di annunci relativi a quelli che saranno i prossimi prodotti e servizi dell’azienda.Apple ha confermato l’esistenza di Snow Leopard, la prossima versione Mac OS X, ha annunciato MobileMe (set di servizi web di sincronizzazione to-the-cloud: Mail, Foto, Rubrica, Calendar, e Storage) e ha lanciato il nuovo atteso iPhone 3G che integrerà il nuovo potenziato software iPhone 2.0 e supporto per le applicazioni create con l’SDK.

Mac OS X Snow Leopard. Basato sul successo di OS X Leopard, Snow Leopard potenzierà le performance del sistema, sarà ottimizzato per i processori multi-core (tramite la tecnologia "Grand Central") sfruttando la potenza di computing grafico delle GPU (via Open Computing Language -OpenCL), includerà la nuova piattaforma multimediale QuickTime X, ed integrerà supporto out-of-the-box per Microsoft Exchange 2007. Snow Leopard è atteso in disponibilità tra circa un anno.

iPhone SDK e Software 2.0. Apple ha descritto l’SDK per iPhone ed ha mostrato alcune delle applicazioni create dagli sviluppatori sfruttando il ricco set di API (Cocoa Touch, Media, Core Services, Core OS) e gli strumenti di sviluppo (xCode, Interface Builder, iPhone simulator, e Instruments) resi disponibili ai third-party. iPhone SDK è stato scaricato a partire dalla sua disponibilità più di 250.000 volte. Tra le applicazioni mostrate in demo: My eBay, Loopt (location-aware social network), TypePad (mobile blogging), un’applicazione sviluppata da Associated Press (location-aware news), 2 giochi sviluppati da Pangea Software (Enigmo e Cro-Mag Rally), il poteziato Super Monkey Ball di Sega, l’applicazione musicale Band (che trasforma iPhone in una pianola touch-screen), e un paio di applicazioni mediche(medical-imaging). Tutte queste applicazioni saranno distribuite tramite l’App Store, che sarà disponibile prossimamente in 62 paesi. Le applicazioni di dimensioni minori di 10MB saranno disponibili tramite qualsiasi network; quelle più grandi necessiteranno di una connessione WiFi o di iTunes. Oltre alle nuove capacità a supporto dello sviluppo di nuovi applicativi, iPhone 2.0 supporterà tutti i documenti Microsoft Office e iWork, ricerca contatti, eliminazione e spostamento bulk per Mail, salvataggio immagini ricevute, calcolatrice scientifica in modalità landscape, controllo genitori e nuove lingue. La nuova versione del software del dispositivo sarà resa disponibile ad inizio Luglio come aggiornamento gratuito per tutti i clienti iPhone, ed al costo di $9.95 per gli utenti di iPod touch.

iPhone 3G. Il nuovo atteso modello del supertelefonino, con supporto per le più performanti reti UMTS/3G e l’utilizzo aziendale, integra un dispositivo GPS per servizi mobile location-based estesi, e il software iPhone 2.0 con supporto per Microsoft Exchange ActiveSync, over-the-air push e-mail, contatti e calendar syncing oltre che per tutte le applicazioni realizzate tramite iPhone SDK e distribuite su App Store. Il nuovo iPhone 3G costerà in US solo $199 per il modello da 8GB (nero) e $299 per quello da 16GB (nero e bianco). iPhone 3G sarà lanciato in più di 70 paesi nel corso dell’anno, e dal 11 Luglio sarà disponibile in 22 paesi (tra cui l’Italia).Come già annunciato iPhone 3G sarà distribuito in Italia da Vodafone e TIM (probabilmente in versione "sbloccata" ed a un prezzo maggiorato rispetto ai $199). iPhone 3G: Supporto GPS integrato; Più sottile; Involucro di plastica nera; Jack per le cuffie parallelo al design; Audio migliorato; Bottoni di metallo; Velocità di navigazione 2,8 volte maggiore; Durata delle batterie: 300 ore di standby, 10 ore di autonomia in conversazione su reti 2G, e 5 su rete 3G.
MobileMe. Apple ha lanciato l’erede di .Mac, MobileMe, un set di servizi che permette di salvare i propri dati in-the-cloud (20GB di storage) ed eseguire il push di informazioni sui vari dispositivi, verso le applicazioni native di iPhone, iPod touch, Mac e PC. MobileMe offre le stesse funzionalità di iPhoto, iCal, Contatti, Mail, più Gallery (photo-sharing) e iDisk (online storage) in una esperienza desktop-like accessibile via web-browser. Il nuovo servizio è offerto allo stesso prezzo dell’attuale abbonamento .Mac: 99$ (probabilmente 99€) in l’abbonamento annuale (con trial gratuito di 60 giorni). MobileMe sarà reso disponibile contestualmente al software iPhone 2.0.

Fonte: tweakness.net