NetBook di Apple: Steve Jobs ci pensa

Il sogno di molti, tra cui qualche membro della redazione di TAL, è un computer portatile di Apple venduto a un prezzo realmente accessibile: in questo modo molta gente potrebbe davvero testare un “computer con la meletta” senza essere fermato dal pregiudizio che “i Mac costano troppo”. Dopo che abbiamo visto sfumare l’idea di un MacBook sotto i 900 Dollari, il sogno (e perché no, una futura possibilità) potrebbe prendere la forma del “NetBook”: una tipologia computer portatile ultra-leggero ed economico che sta diventando la “moda di questi primi anni del secolo”. Ma Apple, cosa ne pensa?
Il NetBook interpreta davvero l’idea del computer portatile poiché, scusate il gioco di parole, è davvero un sistema facilmente portabile: sfidiamo chiunque a portarsi in giro tutto il giorno in allegria una media di 2.8Kg di “notebook”. Il NetBook attira verso di sé e conquista tantissimi utenti proprio perché rappresenta un “il vero computer portatile”; inoltre dalla sua parte ha pure un costo allettante.

Per circa 200 Euro è attualmente possibile portarsi a casa un computer completo che naviga in internet, riceve le E-Mail e viene incontro a tutte le tipologie di lavoro: tutto questo, però, con dei grossi limiti. Quello più evidente è nelle dimensioni dello schermo: uno schermo di 7-9 pollici non permette di lavorare molto a lungo senza accusare problemi di vista. Inoltre, il sistema operativo è, per i modelli più economici, una versione di Linux comparabile al buon vecchio “Clementoni” mentre per i top di gamma è a disposizione Windows XP (in questo caso si sacrificano prestazioni, ma soprattutto la batteria).

Noi amanti dei prodotti con la meletta ci aspettiamo un NetBook come solo Apple saprebbe fare: un computer dal design unico con tutte le caratteristiche (seppure con le limitazioni del caso) dei MacBook di fascia superiore. Un prodotto così potrebbe davvero diventare una realtà futura?

Steve Jobs ha rilasciato addirittura due dichiarazioni sul rapporto tra Apple e NetBook: la prima è stata nel giorno della presentazione dei nuovi MacBook e MacBook Pro, mentre la seconda è stata solo poche ore fa quando El Jobso è stato “assalito dalle domande dei cronisti” durante la conferenza in cui ha svelato i ricavi dell’ultimo trimestre.

La posizione del “divino Steve” è stata la medesima in entrambe le occasioni: Apple riconosce il crescente fermento intorno al mercato dei NetBook e si dichiara interessata a farne parte, ma, non ora. Tutto questo partendo dal presupposto che è un mercato troppo nuovo che deve necessariamente evolversi, ma, ecco che Steve pronuncia le “paroline magiche”: “we have some pretty interesting ideas“.

Resta davvero difficile capire il reale interesse di Apple verso i NetBook avendo in listino il MacBook Air che è la risposta “di classe” alla categoria di computer appena citata: inoltre Apple sembra avere tutta l’intenzione di sospendere la produzione del Mac Mini, il Mac più economico della storia. Il messaggio è chiaro: se il mercato dei NetBook mantiene questo interesse, Apple sarà pronta ad invaderlo; al contrario non vedremo mai un computer ultra-leggero quanto ultra-economico da Apple.

O nostro amato Steve, pensa a noi poveri sudditi che, per portare con noi al lavoro l’effigie della meletta sul retro del monitor, siamo costretti a sopportare tutto il giorno il peso del MacBook Pro. Fai una delle tue solite magie e regalaci un computer piccolo, leggero ed economico con cui poter lavorare e far morire d’invidia tutti i nostri “cugini Windowsiani”. Attento a una cosa però: occhio a non inventarti un iPhone gigante. Noi col tuo NetBook vorremmo lavorare.

Via | The apple Lounge

Una Risposta

  1. Gnu/Linux il sistema Clementoni?
    Bhè la battuta ci sta…meglio sostituire l’OS con altra distro Linux più seria…farlo con Xp sarebbe un suicidio per l’eee.
    Francamente non comprendo la scelta di Asus, qualsiasi mini-distro sarebbe andata meglio di quell’affare! Il mac mini è economico, dici bene, solo paragonato ai prezzi consueti di Apple (altro che pregiudizio!!!).
    Si vede che chi scrive è stato folgarato dal verbo di Jobs. Gnu\Linux è un’alternativa più che valida a MS come alla Mela, e non ti strozza con EULA a dir poco vergognose!
    A ognuno la sua religione, io preferisco il laicismo (a costo di tenemi il “clementoni”) anche se non comprerò mai l’eee e simili.
    Ciao

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: