Svelato il mistero del “brick”, una rivoluzione alle porte?

Qualche giorno fa vi avevamo parlato del “brick”, un nuovo misterioso prodotto che, secondo i ragazzi di 9to5 Mac, Apple si appresterebbe a lanciare sul mercato. In tale occasione abbiamo tentato di capire a cosa potesse riferirsi il nome in codice “brick” (mattone) formulando le più svariate ipotesi. Durante il fine settimana proprio Seth Weintraub di 9to5 Mac ha finalmente rivelato che cos’è il “mattone”. Tutto il Mac Web era fuori strada. Non si tratta di un nuovo prodotto, ma di una rivoluzione ad un  livello più alto (sempre che il rumor diventi realtà):

Il MacBook brick è un blocco di alluminio aeronautico di alta qualità. E’ il principio. Il principio di cosa? E’ il principio del nuovo processo industriale ideato da Apple per produrre i MacBook. […] L’azienda si è impegnata negli ultimi anni a creare un processo produttivo completamente nuovo che prevede l’utilizzo di lasers e getti d’acqua ad altissima pressione per ricavare il MacBook da un mattone d’alluminio.

Un nuovo processo produttivo che prevede l’utilizzo di un mattone di alluminio da cui Apple ricaverà direttamente i nuovi laptop, dunque. Secondo l’affidabile fonte che ha rivelato a 9to5 Mac questa indiscrezione si tratterà dell’innovazione più importante per Apple da dieci anni a questa parte. I vantaggi di una simile scelta sarebbero evidenti: una tecnologia che la concorrenza potrebbe solamente inseguire per gli anni a venire e che porterebbe sul medio/lungo termine ad un notevole abbattimento dei costi (proprio come promesso da Peter Oppenheimer l’estate scorsa; potrebbe essere questa la product transition di cui tanto si è parlato?).

Dal punto di vista prettamente tecnico i vantaggi di un simile processo di realizzazione sono a dir poco notevoli. Il fatto che l’intera scocca del computer possa essere ricavata da un unico blocco di metallo conferirebbe ai MacBook resistenza e leggerezza ineguagliabili. Allo stesso tempo le viti diverrebbero superflue e non ci sarebbe bisogno di piegare l’alluminio evitando completamente la creazione di punti strutturalmente più deboli. Infine un simile processo darebbe ai progettisti di Apple una libertà creativa mai vista prima nella realizzazione della struttura del computer, che verrebbe letteralmente stampato tridimensionalmente a partire dal blocco di metallo intonso. La tecnologia per mettere in pratica tutto questo esiste già ed è utilizzata nel settore aeronautico e aerospaziale.

Ma non è tutto. Apple si appresterebbe ad introdurre una rivoluzione di scala ben più ampia, che andrà oltre la semplice adozione di un nuovo processo produttivo. Sembra infatti che uno dei principali motivi di questa svolta epocale sia quello di smarcarsi gradualmente dai produttori orientali. Se fino ad ora Foxconn e altre aziende cinesi si sono occupate in toto della produzione vera e propria dei prodotti Apple, l’introduzione di questo innovativo procedimento permetterebbe all’azienda di Cupertino di aprire nuove fabbriche nel cuore degli Stati Uniti. L’alto livello di automazione previsto e l’esiguità del personale richiesto in una fabbrica di questo genere permetterebbe ad Apple di non doversi preoccupare del costo del lavoro e allo stesso tempo consentirebbe ad Apple di raggiungere un livello di autonomia e auto-sostentamento produttivo che la concorrenza potrebbe davvero solamente sognare. I costi energetici potrebbero venir abbattuti realizzando impianti autosufficienti grazie allo sfruttamento delle energie alternative.

Continua su The Apple Lounge…

E voi che ne pensate di questo mega-rumor?

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: