I peccati dell’iPhone

Un milione di iPhone! Sono i pezzi venduti dopo pochi giorni dalla sua comparsa sul mercato. Molti già si lamentano con la Apple. Vediamo perchè…
Beh… Una premessa è d’obbligo, non avendo avuto ancora modo di provare personalmente il dispositivo in questione, tutto quanto descritto di seguito è frutto di informazioni fornite da amici e colleghi, anche molto esperti, che hanno acquistato e testato il prodotto, o di quanto reperito in rete sui siti specializzati.
Nel titolo del topic è stata volutamente utilizzata la parola "peccati" al posto di "difetti": infatti per il popolo degli insoddisfatti (o delusi) dal nuovo gadget della mela sembra che tali siano le sue principali mancanze. A a mio avviso però, queste sono più volute da una attenta campagna di marketing, che da dimenticanze progettuali.
Ma andiamo ad elencare con ordine:
Non e’ possibile creare, inviare e ricevere MMS.
Qualcuno mi ha fatto notare che nei paesi civilizzati sarebbe auspicabile utilizzare l’invio di email (con allegati) al posto dei messaggi multimediali. Sono parzialmente d’accordo: il fatto è che l’invio di email con allegati anche non troppo pesanti, parte dal presupposto che si possa usufruire di una flat per la connessione dati dal costo conveniente (ipotesi attualmente utopica perlomeno in Italia). E’ anche vero, però, che gli MMS fanno parte del supporto ad uno standard riconosciuto; non supportarli significherebbe negare, anche se solo in parte l’aderenza a quello standard. Apple è famosa per non aderire a questi ultimi ma, in questo caso è in buona compagnia; infatti anche l’i-mode ad esempio, non supporta gli MMS. Ma questa è un’altra storia.
Un solo allegato per messaggio di posta elettronica.
E’ incredibile, ma è così. Mi auguro in un rapido aggiornamento del firmware che risolva questa assurdità.
Non è possibile inoltrare gli SMS.
Non è una funzione vitale, ma ormai è di serie anche sugli apparati da poche decine di euro. La mancanza è inspiegabile.
Non sono supportati i messaggi multipli (ovvero con più di 160 caratteri).
Gli stessi dispositivi economici già citati sono in grado di supportare l’assemblaggio automatico dei cosiddetti long message, o messaggi concatenati (ovvero un unico lungo messaggio di testo composto da fino a 4 SMS da 160 caratteri ciascuno).
Non e’ possibile creare filmati.
Non mi sembra un difetto essenziale. Certo che se si vende il prodotto come un centro di connettività multimediale, allora l’assenza ha tutto un altro valore.
Non e’ possibile usare il telefono per connessione dati.
Questo è già un pochino più grave: se si vuole utilizzare l’iPhone come modem UMTS si dovrà rinunciare.
La connettività Bluetooth e’ utilizzabile solo per il profilo cuffia auricolare.
E’ una pratica diffusa su molti apparati, soprattutto su quelli brandizzati dagli operatori. In questo modo si spinge l’utente a scaricare contenuti aggiuntivi tipo suonerie, immagini, wallpaper e quant’altro, utilizzando i servizi on line offerti dall’operatore stesso (naturalmente a pagamento). Non mi meraviglia affatto la scelta (anzi mi sarei stupito del contrario)
Nessun supporto alla videochiamata.
Personalmente la ritengo una mancanza trascurabile. Quello che conta è il supporto alla connettività 3G e, tra l’altro, è una pratica adottata anche da molti altri terminali datacentrici (ad esempio da SonyEricsson). L’assenza della videocamera frontale, inoltre, non ne consente in alcun modo il supporto (a meno di voler girare l’apparato e sfruttare quella posteriore via software). Vale lo stesso discorso fatto in precedenza: su un dispositivo multimediale quale esso viene proposto, forse sarebbe stato il caso di prevederla.
Non è possibile gestire la rubrica SIM.
Questo invece è molto grave. Le nuove sim da 128K consentono la memorizzazione di un’enorme quantità di nominativi e non tutti amano registrare la propria rubrica sul device piuttosto che sulla sim stessa.
Scarsa autonomia della batteria.
Dalle prove che ho letto e dalle esperienze di un paio di colleghi che hanno acquistato il cellulare in anteprima, sembra che il vero tallone d’Achille sia rappresentato proprio dall’elevato assorbimento del dispositivo. Con un uso mediamente intenso non si arriva a fine serata. Il tutto è aggravato dal fatto che non è possibile sostituire la batteria se non smontando il dispositivo e tutta l’operazione non è assolutamente agevole per un cambio on the fly.
Sensibilita’ in 3G molto bassa ed eccessivo riscaldamento durante le sessioni in connettività.
E’ necessario valutare in base all’operatore utilizzato. La morfologia del territorio italiano non ha mai consentito una buona copertura neanche in GSM. Se a questo poi si aggiunge che il 3G in Italia è stato implementato "a macchia di leopardo", allora i conti tornano. A mio avviso la valutazione andrebbe fatta con operatori a copertura più costante. L’Italia, in questo ambito, purtroppo, deve ancora fare passi avanti. Il riscaldamento eccessivo durante l’uso intensivo della connettività è stato caratteristico anche di molti altri apparati 3G di prima generazione: la cosa non stupisce ma crea sospetti sulla tipologia di tecnologia utilizzata che non apparirebbe di recente implementazione.
Bilanciamento del bianco del display tendente al "giallino".
Non mi appare come un difetto essenziale, anche perchè sembra che sia già stato rilasciato un aggiornamento del firmware che ripristina il corretto bilanciamento cromatico. Certo è che il display è il punto di forza dell’iPhone e mortificarlo in questo modo non avrebbe costituito una buona pubblicità.
Il browser in dotazione, non supporta il download (e l’upload) dei file e le animazioni Flash.
Anche in questo caso si parla per entrambi di peccati veniali. Per l’assenza del download è evidente che si tratta di una mancanza voluta (al pari del solo supporto auricolare per il Bluetooth). I motivi sono evidenti e chiaramente economici (la Apple vuole che si scarichi solo da AppStore). Per quanto riguarda Flash sono convinto che sia una mancanza risolvibile sempre con un aggiornamento firmware.
Non esiste il copia e incolla.
No comment.
Nessun supporto al software Open Source.
Da tempo immemorabile Apple rappresenta l’emblema della chiusura tecnologica, e anche in questa occasione non si è smentita. Se gli sviluppatori vogliono realizzare delle applicazioni per il suo smartphone, devono pagare un dazio alla casa di Cupertino, che diventa di fatti l’unico soggetto in grado di decidere cosa può essere caricato o meno su di esso tramite AppStore. Comportamento deprecabile che è stato duramente condannato dalla Free Software Foundation che ha pubblicato un articolo molto esplicito sull’argomento, invitando al boicottaggio dell’apparato. A questo è necessario aggiungere che è possibile utilizzare l’SDK per lo sviluppo di applicazioni per l’iPhone solo su macchine Mac con OsX Leopard.
Conclusioni
E’ evidente che l’elenco non è esaustivo, come è altrettanto evidente che forse il 90% (e sto volutamente esagerando) degli acquirenti dell’iPhone non si saranno nemmeno accorti dei difetti citati o semplicemente non li ritengono tali.
Questo perchè il grande successo di vendite (in Italia come negli Stati Uniti) è stato agevolato più da un fenomeno collegato al desiderio di possesso in anteprima dell’oggetto, che ad una reale necessità di uno strumento multicentrico di connettività.

I prossimi mesi saranno fondamentali per verificare l’effettivo livello di gradimento del prodotto e non escludo che Apple aggiusti ulteriormente il tiro tirando fuori dal cilindro qualche succosa novità, anche in virtù del fatto che il mercato europeo è decisamente più esigente di quello americano.

Lascio a voi ulteriori commenti…

Via | methack.it

Technorati Tags: ,,

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: